lunedì 19 dicembre 2011

Siamo tutti Senegalesi

Nella scuola media Allende-Croci di Paderno Dugnano alcuni ragazzi di provenienza non italiana e ragazzi italiani, si incontrano per riflettere sulla diversità e sulle tematiche legate ai fenomeni migratori. Si parla di integrazione, di incontri con l'altro. Insomma, ci si confronta. Questo luogo di idee si chiama "Laboratorio di Intercultura" . Tali tematiche vengono affrontate tramite la visione e l'analisi di film, la riflessione su fatti di cronaca, la collaborazione a iniziative che veicolino una visione positiva della società multiculturale.
Non è ignorando episodi di razzismo come quello recentemente accaduto a Firenze, che tuteliamo i nostri ragazzi (tutti!), nè mettiamo a tacere le nostre coscienze. I ragazzi del laboratorio questo lo sanno e hanno scritto una bellissima lettera che vi voglio far leggere. Poche righe di sensibilità e civiltà.
Daniela Camorali

Siamo tutti Senegalesi
Noi ragazzi del laboratorio di intercultura della scuola di Paderno Dugnano, Allende-Croci, vogliamo esprimere il nostro parere a proposito del fatto accaduto a Firenze il 13 dicembre 2011 quando sono state uccise due persone di origine senegalese, e altre sono state ferite. Infine l’uomo si è ucciso.
Si tratta di un episodio di razzismo, perché l’uomo ha agito contro queste persone a causa del colore della loro pelle. Secondo noi ha commesso un fatto molto grave perché tutte le persone sono uguali, il colore della pelle non è così importante. Le diversità sono belle da confrontare, il mondo ha bisogno di tutti noi. Vogliamo inoltre dire che il razzismo è crudele perché crea violenza, cancella i diritti di tutti, va contro la natura dell’uomo che è quella di vivere in armonia e in pace.
Vogliamo esprimere la nostra solidarietà nei confronti di chi potrebbe essere discriminato in base al colore della pelle, alla religione, alla cultura al paese di provenienza, alla lingua o a una disabilità.
I ragazzi e le ragazze del laboratorio di intercultura della scuola media Allende - Croci di Paderno Dugnano

1 commento:

  1. Se i bamibini sono la speranza qui c'è da sperare parecchio! Buon 2012!

    RispondiElimina