lunedì 14 agosto 2017

Il dovere di restare umani


di ENZO BIANCHI, La Repubblica, 11 agosto 2017

L’invito del presidente della CEI, cardinal Bassetti, ad affrontare il fenomeno dei migranti “nel rispetto della legge” e senza fornire pretesti agli scafisti è un richiamo all’assunzione di responsabilità etica ad ampio raggio nella temperie che Italia e Europa stanno attraversando. Un richiamo quanto mai opportuno perché ormai si sta profilando una “emergenza umanitaria” che non è data dalle migrazioni in quanto tali, bensì dalle modalità culturali ed etiche, prima ancora che operative con cui le si affrontano. Non è infatti “emergenza” il fenomeno dei migranti – richiedenti asilo o economici – che in questa forma risale ormai alla fine del secolo scorso e i cui numeri sia assoluti che percentuali sarebbero agevolmente gestibili da politiche degne di questo nome. E l’aggettivo “umanitario” non riguarda solo le condizioni subumane in cui vivono milioni di persone nei campi profughi del Medioriente o nei paesi stremati da conflitti foraggiati dai mercanti d’armi o da carestie ricorrenti, naturali o indotte. L’emergenza riguarda la nostra umanità: è il nostro restare umani che è in emergenza di fronte all’imbarbarimento dei costumi, dei discorsi, dei pensieri, delle azioni che sviliscono e sbeffeggiano quelli che un tempo erano considerati i valori e i principi della casa comune europea e della “millenaria civiltà cristiana”, così connaturale al nostro paese.
È un impoverimento del nostro essere umani che si è via via accentuato da quando ci si è preoccupati più del controllo e della difesa delle frontiere esterne dell’Europa che non dei sentimenti che battono nel cuore del nostro continente e dei principi che ne determinano leggi e comportamenti. È un imbarbarimento che si è aggravato quando abbiamo siglato un accordo per delegare il lavoro sporco di fermare e respingere migliaia di profughi dal Medioriente a un paese che manifestamente vìola fondamenti etici, giuridici e culturali imprescindibili per la nostra “casa comune”.
Ora noi, già “popolo di … navigatori e trasmigratori”, ci stiamo rapidamente adeguando a un pensiero unico che confligge persino con la millenaria legge del mare iscritta nella coscienza umana, e arriva a configurare una sorta di “reato umanitario” o “di altruismo” in base al quale diviene naturale minare sistematicamente e indistintamente la credibilità delle ONG e perseguirne l’operato, affidare a un’inesistente autorità statale libica la gestione di ipotetici centri di raccolta dei migranti che tutti gli organismi umanitari internazionali definiscono luoghi di torture, vessazioni, violenze e abusi di ogni tipo, riconsegnare a una delle guardie costiere libiche quelle persone che erano state imbarcate da trafficanti di esseri umani con la sospetta connivenza di chi ora li riporta alla casella-prigione di partenza.

giovedì 18 maggio 2017

LOCANDINE DI ALCUNI CORTI DELLA SERATA



«Rimboccatevi le maniche. Lavorate come buttafuori in un sex club o come guardiano in un manicomio per sei mesi. Guadagnate dieci-ventimila dollari e con quelli oggi potete fare un lungometraggio. Non ci sono più scuse. E poi, ovviamente, leggete leggete leggete leggete leggete leggete leggete leggete leggete.
Se non leggete, non farete mai grandi film» 
 Werner Herzog








venerdì 28 aprile 2017

PADERNO IN CORTO 4^ EDIZIONE - Giovedì 11 maggio - ore 21 - Area Metropolis 2.0 - Sala Chaplin


PADERNO IN CORTO 4
Sala Chaplin - Ingresso libero

Giovedì 11 maggio alle ore 21 presso l’Area Metropolis 2.0, il Circolo Culturale Restare Umani e Fondazione Cineteca Italiana propongono la quarta edizione di “Paderno in Corto”, rassegna di cortometraggi di filmakers del territorio e non. Gli autori saranno presenti in sala per presentare i lavori e i progetti futuri.

Quest'anno agli amici storici dell'evento si affiancheranno i video realizzati dagli studenti della 5^L a indirizzo grafico dell'istituto Carlo Emilio Gadda di Paderno Dugnano con la supervisione del professor Luca Viviani. L'attività rientra in un progetto più ampio di formazione audiovisiva in corso nella scuola dal 2015.

Condurrà la serata il collaboratore del Circolo Culturale Restare Umani e studioso di cinema Alessandro Amato, che si è occupato anche della selezione dei corti in rassegna come gli anni precedenti.

La locandina dell’evento è stata realizzata anch'essa da uno studenti dell’Istituto Carlo Emilio Gadda.
Il Circolo Restare Umani è un’associazione che intende sperimentare un nuovo approccio alla promozione culturale sostenendo i creativi locali e mettendo a contatto le loro opere con quelle di altri attori di livello nazionale e internazionale e si propone come hub di temi e interessi diversi, collaborando sinergicamente con singoli autori e associazioni, senza per questo esaurire la sua iniziativa in un’unica disciplina.
 In programma:

SCENA TAGLIATA
(R.: Nicolò Tagliabue, Commedia, 2017, 20’)
L'ennesimo scontro col padre conduce Ludo a mollare tutto per dedicarsi a ciò che ha sempre voluto: realizzare un film. 
Una produzione Ordinary Frames. 

SUCCESSION
(R.: 5^L Gadda, Drammatico, 2017, 5’)
Le riflessioni di una ragazza alle prese con la maternità.

UN UOMO PER BENE
(R.: Sergio Fantoni, Drammatico, 2016, 5’)
Un giovane distinto racconta l'amore per sua moglie.
Una produzione Piccola Fanteria Carillion.

OUTBURST
(R.: 5^L Gadda, Drammatico, 2017, 5’)
Uno studente s'interroga sulla crisi che sta attraversando. 

HEROES
(R.: Thomas Francesconi, Avventura, 2017, 2’)
Il percorso di un eroe è un sentiero irto di ostacoli.
Una produzione Whitelux Pictures.

STANZA 316
(R.: 5^L Gadda, Drammatico, 2017, 5’)
La reazione di una ragazza che scopre di avere un tumore.

TRIPLE THREAT
(R.: Simone Falcone, Animazione, 2016, 4’)
Bob è un sognatore che sta cercando di girare un film.
Realizzazione animata e digital effects di Serkan Savaşkan con modelli 3D di Claudio Gallianio e Souradip Biswas.

domenica 23 aprile 2017

GABRIELE È LIBERO

GABRIELE DEL GRANDE STA TORNANDO A CASA

Grazie a tutti coloro che si sono mossi per la sua liberazione

martedì 18 aprile 2017

MOBILITIAMOCI TUTTI PER GABRIELE DEL GRANDE


NOI STIAMO CON GABRIELE
Da stasera Gabriele inizia lo sciopero della fame per chiedere a tutti noi di mobilitarci per difedere i suoi diritti.
Il 10 aprile scorso è stato arrestato dalla polizia turca mentre documentava la drammatica situazione delle persone che scappano dalla Siria dopo aver conosciuto i maltrattamenti dei miliziani dell'Isis.
Conosciamo Gabriele non solo per il suo bellissimo film " Io sto con la sposa", ma anche per il suo generoso impegno nel documentare i flussi migratori di coloro che scappano dalle sofferenze della guerra.

mercoledì 12 aprile 2017

Siamo tutti Vittorio Arrigoni


Gabriele Del Grande sarà espulso dalla Turchia entro 2-3 giorni


 

Abbiamo incontrato con alcuni amici di Restare Umani Gabriel del Grande all'anteprima del suo bellissimo docufilm "Io sto con la sposa" all'Area Metropolis di Paderno Dugnano, presso Imperiale Delizie. Il minimo che possiamo fare è sollecitare la sua liberazione e diffondere la notizia del suo arresto. Lo facciamo riportando un articolo da:


 “Huffington Post” del 12 aprile:

Autore del docufilm "Io sto con la sposa", era stato fermato al confine con la Siria dove stava lavorando a un nuovo libro

Aveva documentato consuetudini e stile di vita della Turchia con il film-documentario Io sto con la sposa ma ora il giornalista e regista pluripremiato Gabriele Del Grande è stato prima fermato e ha poi ricevuto un decreto di espulsione dal Paese mediorientale.

Del Grande è stato fermato in Turchia durante un controllo dalle autorità al confine con la Siria, nella provincia sudorientale di Hatay, e si trova tuttora in stato di fermo. Lo confermano all'ANSA fonti diplomatiche italiane. Le autorità italiane stanno seguendo la vicenda e si sono attivate per il suo rilascio. A quanto si apprende, Del Grande era giunto in Turchia qualche giorno fa per realizzare alcune interviste per il suo nuovo libro. Nei mesi scorsi, si era già recato diverse volte nel Paese.

Il giornalista potrebbe essere riaccompagnato in Italia giovedì prossimo, secondo quanto affermato a Milano, a margine di un convegno sui diritti umani, dal presidente della Fnsi Giuseppe Giulietti. "Non c'è nulla di ufficiale, ma in queste ore ho motivo di ritenere che Del Grande sarà riaccompagnato giovedì: le autorità diplomatiche ci informano che sono in corso le trattative, le procedure di espulsione potrebbero partire giovedì per farlo tornare tramite Atene".

Il documentarista dovrebbe essere espulso dal Paese con un provvedimento amministrativo e rimandato in Italia entro 2-3 giorni. Lo riferiscono fonti diplomatiche italiane, in diretto contatto con le autorità locali. Riguardo alle sue condizioni, al momento non vengono segnalati motivi di preoccupazione. Le ragioni ufficiali del fermo restano ignote.

"Il Consolato italiano a Smirne e l'ambasciata italiana di Ankara seguono con attenzione in stretto raccordo con la Farnesina il caso del giornalista italiano bloccato in Turchia, in una zona vicino al confine con la Siria" avevano fatto sapere dalla Farnesina.


mercoledì 1 marzo 2017

RAPPRESENTAZIONE TEATRALE ALL'AUDITORIUM TILANE

BALLATA LIRICA
Auditorium Tilane

Venerdì 31 marzo ore 21
Inghilterra...

XIX secolo...
Due personaggi in uno spazio claustrofobico ad aspettare il momento dello svelamento.
Cosa è accaduto in quella fatale notte in cui...?
Il sogno ci aiuta a vivere...
La poesia è l'ancora di salvezza.
Ma si può fare ancora poesia, qui?
E la Verità metterà la parola Fine?

La ballata del carcere di Reading (The Ballad of Reading Gaol) è un celebre componimento poetico di Oscar Wilde, scritto dopo la sua scarcerazione il 19 maggio 1897 dalla prigione di Reading e pubblicato nel 1898.ll tema principale attorno al quale gravita il racconto è la pena di morte, congiunta al senso di alienazione di ogni detenuto, costretto a compiere quotidianamente azioni ripetitive volte alla pura e semplice sopravvivenza. Wilde fu condannato a due anni di lavori forzati presso la prigione di Reading nel Berkshire per omosessualità. In carcere fu anche testimone dell'impiccagione di Charles Thomas Wooldridge, uno tra i pochi uomini che conobbe durante la detenzione. Il giovane era stato incriminato per l’ omicidio della sua amata. Tutto ciò suscitò in Wilde una profonda riflessione sulla maniera in cui tutti possiamo considerarci malfattori e in cui tutti abbiamo bisogno di essere perdonati. In questa prospettiva, i crimini più gravi necessitavano del più grande perdono. La sua profonda fede nella vita come un'opera d'arte (life as a work of art), che fino a quegli anni rappresentò la pura espressione dell'estetismo mondiale, divenne da quegli anni così tremendamente pessimistica che continuò a logorarlo anche dopo la sua scarcerazione fino alla sua morte.

In Ballata lirica riviviamo gli ultimi momenti di vita di Charles Thomas Wooldridge, assistendo alla teatralizzazione della sua personalità sdoppiata. Sono veramente due i personaggi che si agitano in quello che pensiamo essere il “carcere”, o si tratta della coscienza di Charles/Thomas che spinge la parte inconscia di se stesso ad ammettere le proprie colpe? Il carcere è la mente?
Condotto per scene brevi in una prosa poetica, il lavoro ci introduce nel mondo affascinante, inquietante e multisignificante del simbolismo e del romanticismo ottocentesco. Con tematiche che legano amore e morte, passione e vendetta, sempre attuali. E l’arte come possibilità di riscatto.

A questo link una critica allo spettacolo:
http://doppio-sogno.blogspot.it/2013/05/uno-spettacolo-tutto-da-vivere-in.html?m=0